Con l’assegnazione dei premi Fondazione Scopelliti 2022, si sono conclusi gli eventi promossi in memoria del giudice Antonino Scopelliti a 31 anni dalla sua uccisione,  avvenuta il 9 agosto 1991 a Piale di Villa San Giovanni.

Il tema centrale di quest’anno è stato dedicato in gran parte ai Bronzi di Riace, le due splendide statue esposte al Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, ritrovate 50 anni fa in mare a pochi metri dalla spiaggia di Riace Marina.

La fondazione presieduta dalla figlia Rosanna, anche quest’anno ha organizzato una serie di appuntamenti a ridosso di tale data, per ricordare la memoria e l’impegno del padre, trasferendoli nelle numerose attività sul territorio avviate nel corso degli anni.

Dopo la commemorazione  istituzionale avvenuta nel pomeriggio del 9 agosto alla stele del giudice, a Piale, luogo dell’attentato mafioso, e la Santa Messa a Campo Calabro, la giornata si è conclusa a Reggio Calabria sul lungomare all’Arena dello Stretto, dove sono stati assegnati i premi della Fondazione.

Il premio alla Memoria è andato al ricordo del professor Luigi Lombardo Satriani, per l’impegno civile e politico profuso durante la sua carriera. Il premio Istruzione, formazione, educazione, è stato assegnato all’associazione Nati per leggere di Reggio Calabria per le lodevoli iniziative pedagogiche e culturali. Il premio Impegno sociale è stato conferito al Centro Tripepi Mariotti, per l’attenzione dedicata allo sviluppo delle diverse abilità. Il premio Istruzione culturale per la promozione del territorio calabrese è stato assegnato al Museo Gerhard Rohlfs di Bova per la valorizzazione delle lingue locali legate alle antiche tradizioni dei luoghi, soprattutto dei Greci di Calabria. Il premio Radici in Calabria è andato allo studio di animazione Magmanimation per l’attività svolta nel campo della animazione digitale, nata da un gruppo di docenti, artisti, animatori, scrittori e musicisti reggini. Il premio Resistenza, impegno e testimonianza contro le mafie è stato assegnato alla Federazione associazione antiracket ed usura (FAI) per l’autorevolezza con la quale interloquisce a tutti i livelli con le istituzioni e, soprattutto, per la possibilità offerta alle tante vittime di usura un sicuro punto di riferimento e di appoggio. Alla Fai è stata anche consegnata una targa speciale donata dalla Camera dei Deputati. Il premio Resto in Calabria è andato all’Associazione pasticcieri artigiani reggini (APAR), per aver saputo promuovere e valorizzare l’arte pasticcera del nostro territorio, diffondendo nel Mondo le più tipiche tradizioni dell’arte dolciaria artigiana. Il premio Contrasto alle mafie per l’affermazione dei diritti è stato consegnato al Prefetto Maria Grazia Nicolò attuale Commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative Antiracket e antiusura per l’impegno professionale e umano sul fronte dell’affermazione della legalità.  Il Premio Scopelliti 2022 è stato assegnato all’archeologo, storico e docente universitario Daniele Castrizio per aver reso la cultura classica, greca e latina, alla portata della cittadinanza tutta, per l’impegno nella rivalutazione e nella promozione del territorio attraverso l’opera divulgativa e scientifica sui Bronzi di Riace.

Nel corso della serata, inoltre, si sono svolti due momenti artistici con la proiezione del nuovo video dello studio Magmanimation commissionato dalla Fondazione Antonino Scopelliti e dedicato al 50.mo del ritrovamento dei Bronzi di Riace dal titolo: Argo, la memoria in barba al tempo; e la performance artistica a cura dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria e della visual artist Cristina Cantone, che ha riprodotto, su due modelli, le sembianze dei Bronzi di Riace.

Il Premio Scopelliti 2022, si è svolto col patrocinio di Camera dei Deputati, Regione Calabria, Comune di Reggio Calabria, Città metropolitana Reggio Calabria, Città di Villa San Giovanni, Città di Campo Calabro, Associazione Comuni dello Stretto. Tra i partner che hanno contributo alla serata ricordiamo l’Accademia delle Belle Arti di Reggio Calabria,  la Piccola Opera Papa Giovanni e lo studio di animazione Magmanimation. L’evento è inserito tra gli appuntamenti dell’Estate reggina dedicata al 50mo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × cinque =